Perchè non usiamo Sodium Cocoamphoacetate

Il sodium cocoamphoacetate è un tensioattivo di origine naturale, utilizzato per l’igiene personale e per applicazioni industriali. Lo si trova in shampoo, bagnoschiuma e detergenti per bambini, in quanto crea una schiuma piacevole e non sgrassa troppo la pelle; è presente anche in formulazioni di lavapiatti e detersivi multiuso per superfici.

Dal punto di vista ecologico non presenta problemi particolari: come da norma di legge europea (Reg 648/2004/CE) per la parte riguardante i tensioattivi, è rapidamente biodegradabile e non si accumula nell’ambiente.

Allora perchè Bensos ha scelto di non usarlo? Le ragioni risiedono nella tossicità a lungo termine: è stato riscontrato che questa sostanza e i suoi metaboliti (ossia le nuove sostanze che si creano dopo che il nostro corpo ha assorbito e assimilato la sostanza in questione) hanno la tendenza a interferire con i normali processi di replicazione cellulare (mitosi) dei linfociti umani. Questo tipo di interferenza dà luogo alla formazione di cellule dette poliploidi; studi pubblicati (Storchova et al., 2004; Thorpe et al., 2007) correlano l’instabilità genetica insita nella poliploidia a degenerazioni cellulari che possono contribuire alla formazione di tumori.

Bensos ritiene opportuno proteggere la pelle degli utenti, soprattutto quella dei bambini, dall’esposizione a sostanze in grado di interferire con le cellule del sistema immunitario, pertanto ha scelto di non utilizzare il sodium cocoamphoacetate come ingrediente dei propri prodotti.


Condividi "Perchè non usiamo Sodium Cocoamphoacetate" sui social: Share on Facebook Share on Twitter Share on Google Plus Share on Pinterest