Ogni sostanza, che sia ingrediente di un detersivo o componente di altri prodotti, ha proprietà specifiche; fra esse ci sono le caratteristiche chimico-fisiche, che riguardano le funzioni tecniche utili (per es.: le funzioni sgrassante, conservante, etc.), e le caratteristiche ecologiche e tossicologiche, che invece riguardano il loro comportamento nell’ambiente e quando entrano a contatto con il nostro corpo.

Fra le proprietà inerenti l’impatto ambientale, una delle più importanti è l’attitudine o meno a diventare cibo per i microorganismi biodegradatori che normalmente esistono nell’ambiente, oltre a essere presenti in forma concentrata nei depuratori. Questa proprietà viene chiamata biodegradabilità, che acquista interesse solo se si manifesta in tempi ristretti (pochi giorni) ed è quindi definita rapida. Se una sostanza viene degradata troppo lentamente, oppure non viene degradata affatto, è invece persistente.

Le sostanze completamente inerti, come possono essere i minerali che formano la sabbia, non sono biodegradabili, ma non hanno alcun impatto sull’ambiente e non danno problemi. Invece, le sostanze non inerti, che tendono a modificare l’ambiente circostante, possono creare problemi se i microorganismi non riescono a smaltirli. Fra queste sostanze vi sono: tensioattivi ed emulsionanti, che hanno lo scopo di staccare lo sporco da tessuti e superfici e portarlo in soluzione acquosa affinché venga sciacquato via; sequestranti, che catturano le particelle che formano il calcare e impediscono loro di disturbare il lavaggio dello sporco;  conservanti, ma anche coloranti e perlanti, antirideponenti, profumi, solventi detti “carriers” che servono per tenere in soluzione i profumi, enzimi, sbiancanti ottici, coloranti specifici detti “azzurranti”, disinfettanti, inibitori di catalasi … e chi più ne ha più ne metta!

A parte i tensioattivi (che dal 2005 devono essere biodegradabili rapidamente, in osservanza del Reg CE/648/2004), molte di queste sostanze non sono biodegradabili o lo sono molto lentamente. Ecco alcuni esempi: sodium etidronate (sequestrante), zeolite (sequestrante), EDTA (sequestrante), CMC/carboxymethylcellulose (antirideponente), hydroxyethylcellulose (addensante), 2-bromo-2-nitropropane-1,3-diol (conservante), triclosan (disinfettante), candeggina/varechina/sodio ipoclorito (sbiancante, disinfettante), FWAs/Fluorescent Whitening Agents (sbiancanti ottici). Queste e molte altre sostanze rimangono nell’ambiente, penetrando nelle falde acquifere e nel suolo, continuando a svolgere la loro azione specifica e alterando le condizioni di vita degli ecosistemi. Alcune in particolare sono pure tossiche a lungo termine, il che le rende preoccupanti anche in ragione della loro persistenza nell’ambiente.

Da sempre, Bensos segue Criteri rigorosi di esclusione delle sostanze non biodegradabili e di quelle tossiche a lungo termine. In base a questi Criteri e solo a questi, rifiutando qualsiasi logica di mercato che vada contro di essi, vengono realizzati tutti i prodotti: sia quelli di pulizia sia i detergenti e le creme per il corpo.

 

Richiedi informazioni

Altri prodotti che potrebbero interessarti

Lascia un commento

Privacy Policy (richiesto). Acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali al fine di inviarci il tuo commento.

*