Vi è mai capitato di dover lavare capi “tecnici” sportivi realizzati in tessuti sintetici? Per esempio, le tute da jogging aderenti, magliette e pantaloncini da calcio, canotte da fitness, maglie e intimo da arrampicata o trekking…

Può succedere che, se lavati in lavatrice a 40° con il normale detersivo insieme al resto del bucato, “assorbano” lo sporco degli altri indumenti, macchiandosi ancora più di quando erano entrati in lavatrice! Questo succede per ragioni che hanno a che vedere con la composizione del tessuto e con le proprietà elettrostatiche sia del tessuto stesso sia dello sporco: un po’ come quando si sfrega velocemente una biro di plastica su un panno di lana e la biro poi attira polvere e capelli… Lo sporco, invece di rimanere in sospensione nell’acqua di lavaggio e andarsene attraverso lo scarico, si appiccica al tessuto sintetico come se questo fosse una biro carica elettrostaticamente!

In questi casi c’è chi si trova a dover rilavare i capi a mano, uno alla volta, con saponetta di Marsiglia e “olio di gomito”; ciò rappresenta però uno spreco di tempo e di fatica, oltre a essere poco ecologico in quanto costituisce un doppio lavaggio.

Che fare allora? Un’ottima soluzione è rappresentata dal lavaggio in ammollo in bacinella, per mezz’ora-un’ora, senza necessità di sfregare, con il detersivo Bensos per Capi Delicati: il prodotto è delicato a sufficienza da non danneggiare i tessuti tecnici, ma nel contempo ha un buon potere sgrassante e riesce a pulire bene e a fondo i tessuti. Risultato: niente più residui di sporco! Nel pieno rispetto della Natura, senza allergeni né sostanze tossiche.

Richiedi informazioni

Altri prodotti che potrebbero interessarti

Lascia un commento

Privacy Policy (richiesto). Acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali al fine di inviarci il tuo commento.

*