Anche riguardo ai conservanti, Bensos ha studiato a lungo e tuttora studia quali siano le sostanze sicure dal punto di vista della salute e dell’ambiente; esclude così l’uso di alcune molecole, ammettendone invece altre, sia nei detersivi sia nei detergenti per l’igiene della persona e nelle creme. Perché quest’attenzione?

La presenza di conservanti è sempre guardata con sospetto, non solo negli alimenti ma anche nei prodotti di consumo come detersivi e cosmetici. In effetti, si tratta di sostanze che devono in qualche modo “combattere la vita”: il loro scopo è impedire che vivano e si sviluppino colonie di microbi, in grado di rovinare o intossicare i prodotti.

Quest’esigenza è senz’altro importante e va rispettata. Il problema sorge quando i conservanti utilizzati sono a loro volta tossici, oppure non vengono “digeriti” facilmente dall’ambiente nel momento in cui i prodotti vengono sciacquati via e riversati nelle acque.

I conservanti più diffusi presentano criticità in questo senso: il Kathon, per esempio, miscela di sostanze altamente tossiche per gli organismi acquatici, è formato dal mutageno CIT (chloroisothiazolinone) e dal MIT (methylisothiazolinone), entrambi allergizzanti; il bronopol (2-Bromo-2-Nitropropane-1,3-Diol) è altamente tossico per gli organismi acquatici, non è biodegradabile e in più è allergizzante e, in ambiente alcalino, rilascia la tossica e allergizzante formaldeide; altri conservanti (Sodium hydroxymethylglycinate, Imidazolidinyl urea, Diazolidinyl urea, DMDM hydantoin, Quaternium-15) sono denominati proprio “donatori di formaldeide”, che rilasciano poco a poco a seconda del pH e della quantità di acqua contenuta nel prodotto. Caratteristica di tali molecole è il fatto di esercitare un’azione molto forte, sproporzionata ed eccessiva rispetto allo scopo principale: conservare durante il periodo previsto di immagazzinamento, né più né meno. A chi non è capitato di trovare in un cassetto una crema vecchissima, o nell’armadietto un detersivo di parecchi anni prima, trovandoli ancora perfettamente conservati? La presenza di conservanti fortissimi li ha aiutati ad allungare i tempi di stoccaggio… ma a quale prezzo per l’ambiente e la salute?

Bensos da sempre ha deciso di selezionare le molecole utilizzate come conservanti ispirandosi ai criteri dell’etichetta ecologica Bra Miljoval, che indicano come accettabili i conservanti che preservano i prodotti solo durante lo stoccaggio; queste molecole sono relativamente blande rispetto a quelle citate prima, però svolgono comunque la loro funzione e non danneggiano la salute né l’ambiente. Per questo i prodotti Bensos, sia quelli per bucato, per la cucina o per le superfici, sia i prodotti per la cura del corpo, non vanno diluiti e poi messi via per molti giorni: i prodotti concentrati vanno diluiti e poi utilizzati subito, in modo che non si creino problemi di conservazione sul prodotto giù diluito.

Richiedi informazioni

Altri prodotti che potrebbero interessarti

Lascia un commento

Privacy Policy (richiesto). Acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali al fine di inviarci il tuo commento.

*